E-MAIL:

Cliccando sul tasto "Iscrivimi" acconsente al trattamento dei suoi dati personali come indicato nell'informativa privacy policy

CHIUDERE ×
IT US UK DE FR ES CH AT RU NL CHN

Rolex

Rolex Submariner Orologi Rolex Rolex Daytona Vendita Orologi Link Veloci Video Blog e News Fotografie
Home Page » Rolex Crono

ROLEX CRONO

I primi cronografi Rolex vengono pubblicizzati a partire dagli anni Trenta e fino agli anni Cinquanta possiedono una connotazione esclusivamente tecnica e funzionale, perch adoperati da ingegneri, chimici, architetti, ufficiali e sportivi come strumento di lavoro in grado di garantire elevata precisione ed affidabilit. Il cronografo dovr dunque attraversare decenni e subire variazioni e perfezionamenti prima di essere apprezzato anche per la sua estetica, come orologio da indossare con piacere in ogni occasione. A causa di questi limiti di acquisto, inizialmente i cronografi Rolex vanno in produzione in un numero molto contenuto, condizione che li rende oggi ancora pi preziosi. Il primo esemplare mostrato in un avviso pubblicitario del 1936 indica quattro referenze differenti (2508, 2022, 2023, 2303) ed ancora sprovvisto di fondello Oyster e corona a vite. Gi da subito inizia la realizzazione di quadranti in decine di varianti diverse per forme, colori e dimensioni che caratterizzeranno questi segnatempo fino allavvento di modelli pi moderni e minimal degli anni Cinquanta che trasformeranno le indicazioni da estetiche a funzionali.
In generale i quadranti vengono concepiti con un forte impatto scenografico e unattenzione scrupolosa alla grafica che di norma comprende la compresenza di scala tachimetrica e scala telemetrica. Gli indici invece sono a rilievo in metallo o stampati e raramente incisi sul quadrante stesso o rivestiti al trizio. I movimenti adoperati dalla maison svizzera per i cronografi a carica manuale sono Calibro Valjoux, dalle meccaniche raffinate e precise, che subiranno solo lievi modifiche nel corso degli anni.
Ad inaugurare la galleria Rolex ci sono le referenze 2021 e 2023 con casse a cerniera ereditate dagli orologi da tasca pi complicate per loperazione di ricarica e costose per la loro manifattura. Contemporanee sono le referenze 2022 con cassa coussin e 2303 con cassa tonneau entrambe con quadrante in porcellana o in ottone argentato. La prima cassa a moneta appartiene alla referenza 2507 mentre la prima produzione in un numero pi elevato di pezzi spetta alla 2508, innovativa anche per la presenza del secondo pulsante cronografico su una cassa pi grande delle precedenti. Interessante anche la trasformazione graduale verso la fine degli anni Trenta delle anse che da fisse e cucite al cinturino diventano rimovibili a molla e dei pulsanti che mutano la forma ad oliva in una sezione rettangolare. Negli anni Quaranta lorologio migliora la propria vestibilit al polso grazie a piccoli accorgimenti tecnici e la casa madre inizia anche a realizzare una serie di cronografi di forma caratterizzati da casse molto particolari, come la Ref. 2705 di misura oversize, le Ref. 2916 e 2917 in stile Art Dco, la Ref. 3529 con cassa quadrata e pulsanti rettangolari e il modello Gabus con cassa carr galb, angoli arrotondati, ghiera concava e anse a fiocco. Eccezionale nel suo gioco di volumi questultimo modello, prodotto con la Ref. 8206 dal 1949 al 1952, disponibile in un numero limitato di pezzi sia in oro giallo che rosa.
Alla fine degli anni Trenta si assiste anche alla realizzazione ridottissima del crono-stop Oyster Zerograph (ref. 3346 e 3462), una delle rare elaborazioni meccaniche autonome della casa ginevrina.
Sono i giganti con cassa a moneta del 1940 le prime referenze (3330, 3333, 3335) ad ospitare il terzo contatore delle 12 ore cronografiche, anche se la Rolex non interrompe la produzione di modelli con due contatori (Ref. 3371 e 3484), cos come dal 1939 gli esemplari con cassa chiusa a pressione si affiancano a quelli con fondo a vite. Il primo cronografo con cassa Oyster fa la sua comparsa sul mercato con la referenza 3481, con un design fortemente ispirato allOvetto ed prodotto in soli 47 esemplari, mentre il primo commercializzato in larga scala per pi di dieci anni il 3525, conosciuto dai collezionisti come bariletto per la cassa monoblocco con laterali dritti e ghiera lievemente inclinata. Molto simile anche il modello 4048, per questo detto barilotto, il primo crono Oyster con laggiunta del terzo contatore delle ore. Particolarmente interessante per la modernit del design anche la referenza 3668 realizzata in soli 30 pezzi, con ghiera in oro incisa ben fissata alla carrure in acciaio. In numero limitato compaiono anche i rattrappanti, 15 per lesattezza, perch richiesti solo da clienti altamente specializzati, come ingegneri, militari e cronometristi sportivi. Si tratta di modelli oggi rarissimi realizzati nel 1942 con referenza 4113 ed estetica in contrasto con i classici cronografi Rolex, basti pensare alla dimensione della carrure di 44 mm e alla ghiera molto sottile a favore di una pi chiara leggibilit del quadrante.
Nella seconda met degli anni Quaranta con il crono Oyster 4500 il design della cassa diventa moderno grazie alla carrure tonneau, la ghiera monoblocco, i pulsanti a pompa e le dimensioni ridotte dallimpiego di un Calibro 23 Valjoux, del resto a ridursi anche la variet dei quadranti disponibili. Questo modello riporta la referenza incisa tra le anse ad ore 12 e il numero di matricola ad ore 6 in modo da essere lette anche senza lo smontaggio del fondello e da complicare eventuali operazioni di falsificazione. La versione con tre contatori (Ref. 4537) resta in commercio fino al 1946 seguita dalla pi celebre Ref. 5034, quasi subito modificata in 6034 e diffusa con diverse tipologie di indici (a bastone, rotondi, triangolari, a goccia, a piramide, a rilievo).
A presentare per la prima volta una cassa divisa in tre parti il modello 6232, evolutosi dal 6032, con forme leggere ed eleganti, mentre a segnare un distacco pi netto la successiva Ref. 6234 con i suoi dettagli tecnici che diventeranno lo standard della maison, come il fondello piano, la cassa in tre corpi e il quadrante a tre contatori. Un altro modello avveniristico il 6238, noto come pre-Daytona perch anticipatore del celebre modello divenuto un mito dellalta orologeria. Il 6238 va ricordato anche come ultimo cronografo Rolex con ghiera liscia senza incisone. E proprio il Daytona, per lesattezza la Ref. 6240, ad introdurre i pulsanti cronografaci con serraggio a vite, garanzia di maggiore impermeabilit, per poi arrivare alle Ref. 6263 e 6265 resistenti allacqua fino a 100 m di profondit. A questo modello divenuto un must dei collezionisti spetta anche il primo impiego di diamanti su quadrante e ghiera di un cronografo (Ref. 6269 e 6270).
La produzione dei cronografi, con il Daytona automatico Ref. 16520 del 1988, subisce un radicale cambiamento sia estetico che tecnico destinato a non fermarsi pi, sia sulla strada dellinnovazione che su quella della perfezione.

Unappendice a parte merita il Cronografo Calendario detto anche Dato Compax a tre contatori e con visualizzazione completa del calendario (data, giorno e mese). Le prime referenze prodotte nel 1947 sono la 4768 e la 4767 seguite lanno successivo dalla pi elegante e funzionale 5036. Nel 1951 compare il modello con Ref. 6036 soprannominato dai collezionisti Jean-Claude Killy come il famoso campione di sci degli anni Sessanta, grande appassionato di orologi Rolex.
Lultimo crono-calendario prodotto nel 1962 il modello 6236, anchesso contraddistinto da una grafica dei quadranti sorprendentemente moderna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rolex

 
Le parole più cercate:

Gli orologi più richiesti:

Ricerca nel Sito

Ricerca nel Sito:

NewsLetters

Iscrivendosi alla nostra newsletter potrà ricevere direttamente nella sua casella di posta elettronica le ultime novità di Della Rocca Gioielli.

Indirizzo E-Mail:

Cliccando sul tasto "Iscrivimi" acconsente al trattamento dei suoi dati personali come indicato nell'informativa privacy policy

Collezionismo Orologi

storia » Museo Fotografico Orologi

Ricerca per Prezzo




perito orologi

perito orologi
La della Rocca è qualificata per valutare qualsiasi orologio da polso e da tasca: i nostri esperti sono regolarmente registrati alla camera di commercio iscritti ai ruoli 1033 e 1042 C.C.I.A.A. di Bologna e periti del tribunale, possono quindi rilasciare una certificazione d'originalità e autenticità su tutti i nostri prodotti.